lunedì 12 ottobre 2015

Dolcezzo o scherzetto? Se anche voi siete tra quelli che...


Dolcezzo o scherzetto? Se anche voi siete tra quelli che non vedono l'ora di festeggiare Halloween, non solo per i suoi divertenti appuntamenti ma anche per concedersi un bel viaggio europeo, ecco una selezione dei migliori appuntamenti dove gustare notti memorabili fra zucche, streghe e vampiri.

In Europa, per un Halloween da brivido


Scozia, Edimburgo. La bella città scozzese festeggia, il 31 ottobre, Halloween con il Samhuinn Festival, un'antica ricorrenza celtica che segna il passaggio alla stagione invernale. L'evento prende il via dal Castello per poi continuare lungo la Royal Mile. Parate di fuochi e danze anima la old town e curiosi personaggi in costume si aggirano per il centro storico. La serata inizia con la Grande Parata dove saranno rappresenatate tutte le più importanti figure della tradizione, come il Wild Hunt e la Valravyn, la danzatrice d'estate. Durante la festa non perdetevi il mistico corteo che dal castello scende verso Holyrood e la torica rappresentazione della lotta tra estate ed inverno, della luce contro il buio che ha luogo nella Royal Mile. Durante la leggendaria lotta conoscerete The Green man, simbolo della luce e l'Horned King, simbolo dell'inverno. Una notte tutta tutta danze, battaglie di fuoco e antichi rituali.


Inghilterra, Londra. Il 31 ottobre per tutta la Gran Bretagna è una notte ricca di eventi divertenti e adatti a grandi e piccini. I più piccoli, vestiti in maschera, si divertono a bussare alle porte dei vicini di quartiere alla ricerca di gustosi dolcetti. La frase utilizzata? La famosissima: “Trick or treat?” (Dolcetto o scherzetto?). Da ricordare: se siete in viaggio con i vostri figli, portateli all'Holland Park o nell’elegante zona di South Kensington mentre per i più grandicelli il modo più adatto per passare un Halloween divertentissimo è di visitare Londra a bordo di un battello, percorrendo il canale Regent fino all'Islington Tunnel. Il battello percorre ben 900 metri completamente al buio. Infine, per chi desidera un'esperienza veramente spaventosa ci sono i tour nei vicoli malfamati, resi atrocemente famosi da Jack Lo Squartatore.


Svezia, Stoccolma. A Stoccolma Halloween non ha le zucche. Neppure fantasmi e zombie. E forse neppure Halloween come lo intendiamo noi. Qui Halloween cade il 5 novembre e in questa data vengono ricordati i morti. La tradizione vuole che dopo il tramonto le persone vadano nei cimiteri a deporre ghirlande fatte di pino e candele creando un’atmosfera unica nel suo genere. Uno dei cimiteri della tradizione è lo Skogskyrkogården (che significa il cimitero nel Bosco), cimitero progettato dall’architetto Gunnar Asplund nel 1917, che, dal 1994 è patrimonio mondiale dell’UNESCO per la sua particolarità ed unicità: questo cimitero è attorno un bosco di pini esteso per 100 ettari; entrando si è avvolti da un’atmosfera suggestiva: conifere secolari, profumo di resina, silenzio profondo e lapidi disposte ai piedi degli alberi. E se poi si aggiunge il buio, il respiro si ferma per qualche secondo. Commozione e stupore si mescolano. La cerimonia è autentica e profondamente sentita. A Skogkyrkogården si riuniscono migliaia di persone che lasciano le loro candele e si fermano in raccoglimento a ricordare i loro cari scomparsi. Il bosco si trasforma e come per incanto diventa illuminato come se centinaia di folletti del bosco avessero deciso di uscire dalle loro tane con le lanterne a dare il benvenuto a tutti i visitatori. Guide autorizzate accompagnano i turisti per la città e, il 5 novembre, al cimitero di Skogkyrkogården per partecipare alla cerimonia delle candele



Repubblica Ceca, Praga. La città, per la festa di Halloween, organizza “spaventose” visite , chiamate le McGee's Ghost Tours of Prague che conducono alla scoperta della Città Vecchia e dello storico Ponte Carlo, svelando ai turisti le leggende più antiche della capitale ceca .





2 commenti:

Giusy Fard ha detto...

Che belle informazioni ci dai Cinzia grazie. e sempre un piacere leggerti.

Giusy Fard ha detto...

Grazie per tutte le cose belle che scrivi .