mercoledì 25 ottobre 2017

Come realizzare una lanterna fluorescente per Halloween?

Organizzare una festa di Halloween è molto divertente e talvolta bastano poche astuzie per realizzare decorazioni semplici, poco costose, ma sicuramente di effetto.
Le lanterne fluorescenti, chiamate anche lanterne delle fate, sono un'alternativa originale rispetto alle classiche zucche intagliate. Sono semplici da realizzare e personalizzabili, inoltre l'effetto brillante e colorato aiuta a rendere l'atmosfera macabra e al tempo stesso magica. Di seguito vediamo come realizzarle.

1) Procurarsi un contenitore in vetro con tappo (bottiglia, barattolo, vasetto).

2) Disegnare su un cartoncino nero animali o mostri tipici della festività (Ragni, pipistrelli, ragnatele o personaggi), quindi ritagliarli.





3) Incollare i disegni all'interno del barattolo, utilizzando della colla trasparente. 

4) Acquistare bastoncini luminescenti non tossici (Nightglow – Glow stick).

5) Tagliare i bastoncini e versarli all'interno del barattolo (per un effetto ancor più sorprendente aggiungere all'interno anche dei brillantini).

6) Chiudere il contenitore in vetro e agitare.




Fonte:http://www.paginainizio.com/genio/come-realizzare-una-lanterna-fluorescente-per-halloween.html

mercoledì 4 ottobre 2017

Biscotti di Zucca

Biscotti di Zucca

Ingredienti per 12 persone: 1600 gr Farina,150 gr Fecola di Patate,6 Tuorli d'uovo,2 Albumi d'uovo

1200 gr Zucca,700 gr Burro,800 gr Zucchero,2 Bustine Lievito per Dolci.

Preparazione:Sbucciate la zucca e lessatela.

Poi passatela (o schiacciatela con una forchetta).

Mettete la farina a fontana sul tavolo e aggiungete tutti gli ingredienti: impastate fino ad ottenere un composto omogeneo.

Dopo 20 minuti, fate dei bastoncini con l'impasto; sistemate i bastoncini in una teglia imburrata e spennellateli con gli albumi montati a neve.

Mettete in forno a 150 gradi per circa 30 minuti.


Fonte:http://www.paginainizio.com

sabato 23 settembre 2017

E' vero che tenere una castagna in tasca previene il raffreddore?


E' vero che tenere una castagna in tasca previene il raffreddore?

Verso la fine di settembre e l'inizio del mese di ottobre le castagne cominciano ad essere protagoniste della nostra cucina, ma secondo una storia che sta a metà tra la leggenda e la tradizione, questi frutti non rappresentano solo un alimento, potrebbero infatti rivelarsi utili contro i malanni di stagione.In passato le castagne venivano infatti triturate e date in pasto ai cavalli per curare l’asma e il raffreddore. Quando ci si accorse che ne traevano beneficio, i frutti si cominciarono a testare anche sull’uomo e fu così che nacque la leggenda secondo la quale tenere una castagna in tasca per tutto l'inverno previene il raffreddore e altri disturbi delle vie respiratorie.

Pur non essendoci alcun fondamento scientifico non bisogna dimenticare che ogni frutto o verdura possiede delle proprietà che gli consentono di influenzare positivamente o negativamente lo stato di salute.


Da precisare che la castagna in questione non è il frutto del castagno bensì dell’ippocastano e le sue proprietà benefiche sono dovute all’escina, un componente che oltre a essere antinfiammatorio migliora il drenaggio linfatico e migliora la pressione venosa. Tuttavia l'escina ha una sapore amaro e sono stati riportati anche casi di avvelenamento di cavalli e mucche dopo l'assunzione, pertanto non è raccomandabile cibarsene. Il discorso cambia se ci si limita a tenerle in tasca, magari non servirà a nulla, ma c’è chi giurerebbe il contrario. Forse vale la pena provarci, dopotutto tentar non nuoce.


Fontehttp://www.paginainizio.com

10 OTTIMI MOTIVI PER AMARE L’AUTUNNO (AL DI LÀ DEL PIACEVOLE FRESCHETTO)

10 OTTIMI MOTIVI PER AMARE L’AUTUNNO (AL DI LÀ DEL PIACEVOLE FRESCHETTO)


L’autunno è una stagione meravigliosa. L’equinozio d’autunno segna la fine dell’estate e l’inizio del cammino verso l’inverno con un vero e proprio spettacolo di profumi e di colori tipico di questa stagione.

Non lasciamoci scoraggiare dalle prime giornate di pioggia e impariamo ad apprezzare l’autunno in tutti i suoi aspetti. Le temperature iniziano ad abbassarsi ma i colori vivaci dell’autunno ci riscaldano. Ecco dieci motivi per amare l’autunno e per accoglierlo al meglio.


1) Ricomincia la stagione delle zucche

Con l’arrivo dell’autunno ricomincia ufficialmente la stagione delle zucche e noi amiamo molto questo ortaggio. La zucca ha un sapore caratteristico che si adatta alla preparazione sia di piatti salati, come zuppe, sformati e contorni, sia di dolci, come torte e crostate. Via libera alla fantasia in cucina.


2) I colori dell’autunno sono meravigliosi

L’autunno è la stagione in cui la natura si manifesta con i propri colori più belli. È impossibile non lasciarsi catturare dai fantastici colori autunnali delle foglie e degli alberi. Basta fare una passeggiata in un parco per rendersi conto di quanto la natura sia meravigliosa in questa stagione. I colori dell’autunno ci regalano relax e ci rallegrano nonostante l’estate sia finita.


3) Possiamo andare a raccogliere le castagne

Chi adora le castagne potrà approfittare dei mesi autunnali per andare a raccoglierle. Molti di voi ricorderanno le gite dell’infanzia in cui si passavano dei pomeriggi a raccogliere le castagne in compagnia di tutta la famiglia per poi ritrovarsi la sera a gustare delle ottime caldarroste. E chi sa riconoscere i funghi potrà approfittare dell’autunno per andare a raccoglierli.


4) Scattiamo le foto più belle dell’anno

Chi ama la fotografia sa che i colori dell’autunno e la luce tipica di questa stagione sono una combinazione davvero ideale per scattare delle bellissime immagini. Pensiamo sia a fotografie dedicate alla natura di per sé sia alla scelta del paesaggio autunnale come sfondo per i ritratti. Se amate fotografare, non perdete questa occasione.


5) Ci ritroviamo con gli amici per raccontarci le vacanze

Alla fine dell’estate e con l’inizio dell’autunno è bello incontrare di nuovo gli amici dopo il ritorno dalle vacanze. Ognuno avrà sicuramente delle storie da raccontare e sarà divertente ricordare insieme l’estate ed iniziare ad organizzare qualche attività da svolgere insieme durante l’autunno.


6) Le serate di pioggia in compagnia di un libro sono fantastiche

L’autunno è accompagnato anche dal ritorno delle serate di pioggia dopo il caldo estivo. Quando ci si sente un po’ stanchi e si vorrebbe riposare, è fantastico trascorrere una serata tranquilla sulla poltrona o sul divano in compagnia di un libro e di una tazza di tè o di una ottima cioccolata calda.


7) Non fa ancora troppo freddo per gite all’aria aperta e pic-nic

All’inizio dell’autunno non fa ancora così tanto freddo da dover rinunciare ad una gita all’aria aperta. Anzi, anche durante l’autunno potremmo avere la fortuna di ricevere in regalo dei fine settimana dalle temperature quasi estive. Dunque è il momento di organizzare una bella gita in campagna o in montagna e magari anche un pic-nic.


8) Possiamo continuare a coltivare l’orto

In base al luogo in cui viviamo anche in autunno possiamo continuare a coltivare l’orto. Il segreto è avere un minimo di organizzazione e prevedere ciò che vorremo raccogliere in autunno già durante l’estate. Poter avere a disposizione zucche e cavoli dal nostro orto durante i mesi autunnali sarà davvero una grande soddisfazione.


9) Abbiamo più tempo per l’autoproduzione e il fai-da-te

Si sa, non sempre in autunno il tempo è clemente, ma possiamo dedicare le giornate di pioggia a tutto ciò che amiamo, a partire dall’autoproduzione, dal fai-da-te e dai lavoretti da realizzare con i bambini. Magari proviamo a preparare in casa il pane e le conserve e a realizzare dei semplici giocattoli fatti a mano.


10) Finalmente possiamo riunirci attorno al camino

Se potete in autunno non perdete l’occasione di riunirvi attorno al camino o alla stufa con le persone più care. Il tepore del camino è davvero accogliente e la compagnia degli amici e della famiglia durante le serate autunnali scalda il cuore e aiuta a ridurre lo stress. E per chi non ha il camino? Create comunque un punto di incontro accogliente: magari preparate una torta o dei biscotti e preparatevi a sfidarvi con una partita a carte o con i giochi da tavolo.


Fonte:https://www.greenme.it

mercoledì 30 agosto 2017

Come mantenere a lungo l'abbronzatura?

Se abbronzarsi è un processo graduale e piuttosto lento, perdere l'abbronzatura è, al contrario, un qualcosa di molto veloce, ma mantenerla anche dopo la fine delle vacanze e il ritorno alla routine quotidiana è possibile. Quello che occorre è utilizzare dei prodotti non particolarmente aggressivi per la pelle e seguire uno specifico programma alimentare, con un abbondante apporto di frutta e verdura.


Come suggerito per evitare le scottature, è importante prendersi cura della pelle anche per mantenere l'abbronzatura. In primo luogo sono da preferirsi la doccia al bagno, i saponi e i detergenti vegetali a quelli ricchi di profumi, l'acqua tiepida a quella calda, poi è bene idratare costantemente la pelle di viso e corpo con creme a base di burro di karitè che grazie alle sue vitamine e sostanze nutritive dalle proprietà rigeneranti, svolge una doppia funzione, di idratazione e protezione al tempo stesso.


Per quanto riguarda l'alimentazione è sicuramente importante assumere abbondanti quantità di liquidi, vale a dire principalmente acqua minerale e privilegiare poi l'assunzione di cibi dai poteri antiossidanti. Ecco quindi che il consiglio è quello di prevedere una gran quantità di pesche, albicocche, carote, meloni, pomodori e zucche nei propri pasti, così da ricevere un buon apporto di betacarotene, la sostanza che stimola la produzione di melanina. A questi si aggiungano gli spinaci e i kiwi, la cui notevole quantità di clorofilla maschera il colore del betacarotene. Questi cibi elencati finora sono ricchi di vitamina C, la quale è utile alla produzione di collagene ed insieme agli Omega 3 (contenuti soprattutto nel pesce e nella frutta secca), garantisce di mantenere la pelle elastica ed idratata.

In ultimo, un consiglio generale circa la frutta, ma soprattutto la verdura, è quella di assumerla a crudo, prestando attenzione alla pulizia, o al massimo cuocerla al vapore per non alterare le proprietà nutrizionali.