martedì 24 novembre 2015

Perché regaliamo la stella di Natale?Basta fare un...


Basta fare un giro per le strade delle nostre città per rendercene conto: luci colorate, alberi addobbati e stelle fanno bella mostra di se illuminando le passeggiate notturne e i fiorai mettono in vista non più girasoli e camelie ma le splendide Stelle di Natale, ben consapevoli che andranno a ruba come ogni anno.


Ma vi siete mai chiesti qual è il significato dello splendido fiore rosso che regaliamo alle nostre nonne e che vediamo così spesso adornare in portoni delle case in questo periodo dell’anno?


La pianta da noi conosciuta come “Stella di Natale” venne scoperta nel 1520 da Cortès e i suoi conquistadores nella città di Tenochtilan, odierna Città del Messico. La storia narra che quando gli spagnoli giunsero nella capitale degli Aztechi si accorsero che le canoe che attraversavano i flutti erano cariche oltre che di mercanzia e frutta anche di strani fiori rossi noti all’antica civiltà come cuetlaxóchitl , per simboleggiare il sangue offerto nei sacrifici al Dio Sole.


A portarla in Europa non furono tuttavia gli spagnoli nel ‘500 ma Joel Robert Poinsett, ambasciatore degli Stati Uniti in Messico dal 1825 al 1829. Egli conobbe questo fiore durante un viaggio a Taxco dove visitò in occasione della vigilia di Natale la chiesa di Santa Prisca ornata proprio con lo splendido fiore rosso. Affascinato dalla sua bellezza, Joel Robert Poinsett lo portò nella sua casa nella Carolina del Sud e coltivandolo in serra lo diffuse in molti giardini botanici dell’Europa e degli Stati Uniti.


Ma come è arrivato a diventare simbolo del Natale?


Ebbene furono i missionari spagnoli a battezzare questo fiore “Stella di Natale” per la sua tipica forma a cinque punte e la peculiarità di essere particolarmente rigogliosa nel periodo natalizio. La prima volta che la Basilica di San Pietro fu addobbata con tali fiori fu il 24 dicembre del 1899 e i fedeli furono talmente ammirati per la sua esotica bellezza che da allora la Stella di Natale è tradizionalmente legata alla nostra festività maggiore.


Nessun commento: